Carla Peirolero al LIFE Festival per i Diritti civili

Carla Peirolero è un’attrice che ormai da una ventina d’anni lavora a Genova promuovendo i diritti civili attraverso il teatro. Sin dal 1998 ha dato avvio al Festival Suq, facendolo diventare un appuntamento fisso dell’estate genovese; si tratta di un insieme di realtà sociali e del volontariato, che con spettacoli incontri e mercati raccontano la molteplicità delle culture in un clima che parla di convivenza possibile.
Come diceva uno slogan di qualche anno fa, più che un evento, è un’esperienza.

Il Festival Suq, dall’autunno del 2013, ha iniziato un dialogo importante con Arcigay, che da allora non si è più fermato. Il 25 gennaio 2014 Carla Peirolero ha inaugurato con Vladimir Luxuria la mostra di arte contemporanea Dimenticare a Memoria, una riflessione guidata dall’arte sullo sterminio degli omosessuali, in occasione del Giorno della Memoria.
Da quel momento Arcigay è stata un ospite fisso del Suq, nel quale ha trovato spazio per parlare dei propri temi e dei propri servizi. Un altro esempio è quello della collaborazione per l’inaugurazione il 20 giugno 2015 del Servizio Migranti, lo sportello Arcigay dedicato ai richiedenti asilo.
Di nuovo per il Giorno della Memoria del 2017, Carla Peirolero ha partecipato gratuitamente allo spettacolo BLACKOUT, leggendo brani dei testi di Liana Millu, ebrea genovese deportata ad Auschwitz.

Dal 19 al 30 aprile Festival Suq porta al Teatro Stabile di Genova (Teatro Duse) la Maratona Suq | Prima le donne e le bambine, tre spettacoli, Butterfly Bazar, Mama Africa e Madri Clandestine, legati da tematiche femminili e da uno stile teatrale che unisce prosa e musica, impegno civile e solidarietà.
(I soci Arcigay potranno chiedere riduzioni alla Segreteria: tel. 0105702715 o teatro@suqgenova.it).

Il sabato 6 maggio, ancora al lavoro per i diritti di tutti, Carla Peirolero sarà all’inaugurazione del festival LIFE | persone oltre il genere per sostenere ancora il lavoro di Arcigay e per raccontare gli anni delle nostre collaborazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *